Parodontologia Rieti

La parodontologia si occupa della cura della malattia parodontale (conosciuta comunemente come “piorrea”). Questa coinvolge i tessuti di supporto dei denti, portando a sanguinamento, cattivo odore, formazione di tasche gengivali,mobilità e perdita progressiva dei denti.

Una tasca parodontale consiste nel distacco della gengiva dal dente, con formazione di placca e tartaro al suo interno. Nel tempo il legamento del dente e l’osso circostante sono distrutti dall’ infiammazione, e per questo il dente viene alla fine perduto.

I denti di una stessa persona non sono mai coinvolti allo stesso modo, così come esiste una notevole variabilità tra gli individui. La malattia parodontale si ritrova più frequentemente tra le persone di età avanzata, ma può coinvolgere, anche in maniera aggressiva, persone giovani e molto giovani.

Un 10% della popolazione è interessata da una forma severa di malattia parodontale. I pazienti con pregressa malattia parodontale hanno inoltre un maggior rischio di sviluppare malattia intorno agli impianti dentali (peri-implantite), in quanto determinata dagli stessi batteri. La malattia è provocata dalla reazione dell’organismo alla colonizzazione batterica presente nella placca del cavo orale. Tuttavia non tutti gli individui rispondono allo stesso modo, infatti la genetica gioca un ruolo fondamentale: é probabile che un paziente parodontale abbia almeno un genitore o parente con lo stesso problema. Altri fattori quali fumo, diabete, stress, presenza di determinate specie batteriche possono determinare l’insorgere e la progressione della patologia.

 

L’importanza della diagnosi

La malattia parodontale deve essere prontamente identificata al momento della visita odontoiatrica e viene diagnosticata attraverso l’esame clinico e radiografico. Una corretta diagnosi ed una armoniosa collaborazione tra specialista, igienista dentale e paziente sono fondamentali per il successo della terapia ed il mantenimento dei risultati ottenuti. In molti casi è possibile salvare e mantenere a lungo anche denti che al momento della prima visita mostrino marcata mobilità o tasche profonde.

Una buona igiene orale da parte del paziente permette di prevenire la malattia parodontale ed evitare recidive dopo il completamento del trattamento. Tuttavia non permette di risolvere la presenza di tasche parodontali senza l’intervento del clinico. Al paziente vengono consigliati gli opportuni strumenti per la pulizia dei denti, in particolare degli spazi interdentali e la disinfezione del cavo orale.


Al giorno d’oggi, procedure chirurgiche ricostruttive con biomateriali possono permettere il recupero di denti anche molto compromessi e ricostruzioni ossee avanzate.

In determinate situazioni, benefici possono essere ottenuti dalla terapia clinica in associazione con antibiotici assunti per via sistemica. È stata dimostrata inoltre la correlazione tra malattia parodontale e condizioni generali dell’organismo, come malattie cardiovascolari, malattie respiratorie, e gravidanze con parto prematuro o sottopeso. E’ per questo importante sensibilizzare la popolazione riguardo l’importanza del trattamento della parodontopatia, non solo per la salute della bocca ma dell’intero organismo.

Prenota qui la tua visita di valutazione gratuita

7 + 6 =